Le ricette di Simonetta – luglio 2019

Le ricette di Simonetta – luglio 2019
1 Luglio 2019 quaquarini
In Ricette

Orecchiette estive

per 4/6 persone

350/450 g di orecchiette

500 g di pomodorini ciliegia

2/3 melanzane medie

2/3 zucchine medie

1 peperone giallo

1 peperone verde

diverse foglioline di basilico fresco

olio extra vergine di oliva, origano e sale q.b.

vino consigliato: Pinot Nero (vinificato in bianco) Frizzante DOC BIO

Mondare e lavare le zucchine e le melanzane e poi tagliarle a dadini. Lavare i peperoni, tagliarli a metà e privarli dei semi e del bianco interni, quindi tagliarli a striscioline. Fare rosolare in qualche cucchiaio di olio in una padella antiaderente molto grande le verdure per circa dieci minuti finché risulteranno croccanti (non troppo morbide). Lavare i pomodorini, scottarli in acqua bollente per un minuto, scolarli, tagliarli a metà e metterli a riposare ancora in uno scolapasta. Passarli poi in una ciotola, condirli con olio, sale, origano e basilico mescolando bene l’insieme. Cuocere le orecchiette e poi scolarle. Versare i pomodori nella padella delle verdure, mescolare bene e unire alla fine nella padella con il sugo anche la pasta sempre mescolando. E’ un primo molto fresco che può essere servito anche freddo o a temperatura ambiente.

Carpaccio di vitello fassone con le zucchine e altri sapori

per 4/6 persone

8/12 fettine di vitello fassone tagliate sottilmente a macchina dal macellaio e conservate in frigorifero

4/6 zucchine medie

1/2 peperoni gialli

diversi filetti di alici sott’olio

4/6 cetriolini sott’aceto (lavarli prima di utilizzarli per la salsa)

20/30 g di capperi sott’aceto (lavarli prima di utilizzarli per la salsa)

20/30 g di mollica di un pane all’olio

1 ciuffo di prezzemolo

olio extra vergine di oliva, sale e pepe nero q.b.

vino consigliato: Bonarda la Riva di Sas DOC Frizzante BIO senza solfiti aggiunti

Mondare e lavare le zucchine e poi tagliarle a fette sottili per il lungo, quindi porle su un piatto grande cospargendole con un poco di sale e lasciandole riposare perché possano perdere l’acqua di vegetazione. Sbriciolare la mollica di pane e poi bagnarla in poca acqua tiepida, poi strizzarla bene. La salsa che dovrà guarnire il carpaccio dev’essere preparata almeno due ore prima così procedendo: lavare i peperoni, tagliarli a metà ed eliminare i semi e il bianco interni, la mollica di pane e poi frullarli (conservarne soltanto un paio di fette di peperoni) unendo anche i cetriolini tagliati a pezzettini, i filetti di acciuga scolati e tagliati anch’essi a pezzettini, i capperi e il prezzemolo tritato e infine irrorati bene con l’olio, salati e pepati. La salsa andrà conservata in frigo in una ciotola e coperta con la pellicola. Al momento di mettere a cuocere la pasta per il primo piatto si toglierà la salsa dal frigo, così resterà a temperatura ambiente perché non sia troppo fredda. Il piatto da portata del carpaccio sarà così composto: fette di zucchina alternate con le fette di carne; il tutto ricoperto con la salsa e guarnito con le fette di peperone rimaste tagliate a striscioline.

Plum cake con il ripieno di ricotta e fragole

Per 4/6 persone

200 g di farina

250 g di fragole fresche o surgelate (in questo caso prevedere il tempo per scongelarle)

170 g di zucchero

170 g di ricotta fresca a temperatura ambiente

3 uova

1 bustina di lievito per dolci

zucchero a velo e sale q.b.

facoltativo: gelato alla fragola q.b. per accompagnare il dolce

vino consigliato: Sangue di Giuda Spumante DOC

Pulire e lavare velocemente le fragole, asciugarle con delicatezza e tagliarle a metà. In una ciotola grande versare le uova, sbatterle unendo a poco a poco lo zucchero, la farina, la ricotta prima sbriciolata, un pizzico di sale e alla fine il lievito. Formare un composto molto morbido e ben amalgamato. Bagnare un foglio di carta da forno e poi strizzarlo bene, quindi foderare con questo uno stampo da plum cake. Versare nello stampo rivestito metà dell’impasto preparato, livellandolo bene in superficie, coprirlo poi con metà delle fragole tagliate prima, ricoprire con l’impasto rimasto e decorare la superficie con le fragole rimanenti. Passare nel forno caldo a 180° e cuocere per poco meno di tre quarti d’ora. Il dolce va lasciato raffreddare a temperatura ambiente e poi servito a fette con una spolverata di zucchero a velo e con l’accompagnamento di una pallina di gelato alla fragola.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: